feed image
feed image
feed image
feed image
feed image

Utenti On-Line

Total: 35
Members: 0
Guests: 35
No members online
JoomlaWatch Stats 1.2.7 by Matej Koval

Countries

92%ITALY ITALY
3.7%UNITED STATES UNITED STATES
1.1%SWITZERLAND SWITZERLAND
0.5%GERMANY GERMANY
0.4%UNITED KINGDOM UNITED KINGDOM

Statistiche

Visitse [+/-]
Oggi:
Ieri:
2 giorni fa:
46
151
150

+1
Questa Settimana:
Scorsa Settimana:
2 Settimane fa:
197
1139
1106

+33
Questo Mese:
Mese Scorso:
2 Mesi fa:
3252
4692
3890

+802
2009:
2008:
14356
13451
+905

Media Giorno
Questa Settimana:
Scorsa Settimana:
2 Settimane fa:
98.5
162.7
158
-64.2
+4.7
Questo Mese:
Mese Scorso:
2 Mesi fa:
154.9
156.4
129.7
-1.5
+26.7
2009:
2008:
51.5
36.9
+14.6

Totale
Totale 27 806

KDE - Service Menu

Stampa E-mail
(2 voti, media 4.50 di 5)
Scritto da Veleno77   
Indice
KDE - Service Menu
Menu di azioni da Root
Convertire Immagini
Altri Esempi
Tutte le pagine

Una delle peculiarità dei sistemi GNU/Linux è il fatto di essere molto personalizzabile e che il supporto comunitario è pressochè fondamentale per la sua crescita. Il concetto di personalizzazione del sistema può non essere ben capito da un nuovo utente, magari che proviene da Windows, infatti è possibile sondare il proprio sistema, modificarlo e aggiungere nuove funzionalità. KDE è un ambiente desktop famoso per dare alla comunità tutti gli strumenti per poter sviluppare su di esso e all'utente di poterlo configurare in ogni suo aspetto, capita infatti che ad un primo approccio si possa essere disorientati davanti alla moltitudine di opzioni che si possono configurare, ma anche più in profondità è possibile agire e migliorarne l'uso secondo i propri gusti.
Uno delle funzionalità che sono molto gradite e che io implemento sin dalla prima installazione sono i ServiceMenus. In pratica sono delle estensioni ai menu di servizio di KDE, in particolar modo interessano i file manager Konqueror, Dolphin e Dolphin-Kde4, ma anche il menù contestuale che si avvia col tasto destro.
Visto così potrebbe non essere chiaro il suo utilizzo ed il perchè delle sue possibili estensionabilità. Quando noi selezioniamo un file e premiamo il tasto destro appare il classico menu con cui possiamo interagire con esso, copiarlo, eliminarlo ecc.... Sappiamo che anche su Windows alcune applicazioni permettevano l'estensibilità di questo menu, pensiamo ad esempio ai programmi di archiviazione come WinRar, bene anche su Linux è possibile e su KDE si va oltre offrendo a chiunque la possibilità di creare script che possono essere caricati e disponibili per l'utente, in modo che si possa usufruire di comandi con un semplice click.

 
 

Pensate ad esempio di poter avviare tutte quelle procedure sui file che andrebbero fatte da Root(cambiare permessi , spostarli ecc...) e poterlo fare senza aprire un terminale, comodo no? Bene ve ne sono molti altri utilissimi e che facilitano di molto la vita dell'utente, pensate ad esempio come sarebbe comodo con un semplice click poter convertire un file audio, o ancora poter modificare, ridimensionare, convertire e perchè no applicare filtri ad una immagine con un semplice click... scaricare video da Youtube, o addirittura estrarre un file audio da un video semplicemente selezionandolo e utilizzando l'apposita voce nel menu di servizio... Fenomenale no? Ma com'è possibile tutto ciò? Molto semplicemente bisogna ancora ricorrere al terminale per capirlo e alla natura della maggior parte dei programmi che girano su Linux.
La maggior parte dei programmi offrono soltanto una GUI (interfaccia Grafica) a comandi che sono fruibili in modalità testuale (il back-end), altri aggiungono altre modalità e programmi che possono essere usati da terminale senza passare dall'interfaccia grafica, nella fattispecie si tratta di tutti quei comandi che si propongono l'uso di encoder e decoder, ma anche semplici comandi tradizionali (come nel caso dei comandi da Root). Per essere più esaustivi basta pensare che il risultato che si ottiene ad esempio aprendo un menu, richiamare un programma di conversione mp3, aprire il file che dobbiamo convertire, scegliere le dovute opzioni, scegliere il percorso di destinazione e poi dare il via all'encoding è possibile anche da terminale in modalità testuale, richiamando semplicemente il comando di encoder con le dovute opzioni e con i path relativi al file che dobbiamo convertire e salvare, da qui è facile quindi capire che si possono creare degli script che altro non fanno che eseguire quei comandi che si farebbero anche da terminale e il tutto renderlo usabile tramite voci nel manu di servizio di KDE.

Ma ora vediamo i casi pratici di installazione di alcuni dei più utili KDEServiceMenus. Innanzitutto possiamo prelevare i vari progetti direttamente dal sito di KDE-Apps. Ci possono essere vari modi per l'installazione dei vari Service Menu, in alcuni è presente un binario da lanciare, in altri bisogna semplicemente copiare dei file nelle dovute cartelle di sistema (nel caso si voglia estendere l'uso a tutti gli utenti) o nella cartella specifica della propria Home, in ogni caso è sempre consigliata la lettura del file “Read Me” allegato. Ora vediamo come si installano alcuni servizi di menu aggiuntivi molto interessanti.



 
Banner